05 Feb 2013, ore 15:45

La società Metro 5 S.p.a. partecipata da Ansaldo STS del gruppo Finmeccanica ha realizzato il primo tratto di metropolitana automatica leggera “Linea M5” di Milano da Bignami a Zara

Milano, 5 febbraio 2013

L’opera – realizzata in project financing – dalla società Concessionaria Metro 5 S.p.a partecipata da Ansaldo STS, Ansaldo Breda (società di Finmeccanica), Astaldi, Alstom, verrà esercita e manutenuta nei prossimi 30 anni dalla Concessionaria Metro 5 attraverso l’operato e l’esperienza di ATM, che gestisce anche le altre linee metropolitane di Milano.

L’attuale percorso si snoda, attraverso 7 stazioni, da Bignami, in zona Fulvio Testi, fino a Zara ma entro il 2013 proseguirà fino alla stazione Garibaldi per poi completarsi a San Siro nel 2015, quando potrà assicurare agli utenti una linea di quasi 13 km che verrà percorsa in circa 26 minuti, con 19 stazioni integrate agli altri sistemi di trasporto milanesi.

Ansaldo STS, società di Finmeccanica, è una delle protagoniste della nuova metropolitana automatica leggera di Milano avendo progettato, fornito e messo in funzione il cervello della metro, ovvero il sistema di segnalamento con tecnologia driverless che non necessita di conducente a bordo dei convogli né di presenza all’interno delle stazioni.

La tecnologia driverless di Ansaldo STS, ormai consolidata, è protagonista a livello mondiale: la prima esperienza del genere è quella della metro di Copenhagen entrata in esercizio nell’ottobre 2002, che è stata premiata come Best Metro in the World nel 2008, 2009 e 2010.

La caratteristica del sistema driverless è quella di controllare la metro solo attraverso un sistema centrale, la control room, che permette di supervisionare durante l’arco di tutta la giornata il funzionamento dei convogli, garantendo ai viaggiatori una assistenza continua e costante.

I vantaggi rispetto alle metropolitane convenzionali sono molteplici: i veicoli e le infrastrutture sono più contenute con conseguente riduzione degli investimenti; l’automatismo consente minori costi di gestione del personale (assenza di autisti ed agenti in stazione); la frequenza di passaggio dei convogli è maggiore e può essere variata con estrema rapidità e facilità; il recupero dei ritardi accumulati nell’arco della giornata avviene in automatico, il sistema modula la frequenza dei convogli in base alle esigenze del traffico quotidiano intensificando le corse nelle ore di punta e riducendole in quelle con meno viaggiatori; un altro elemento di forza è rappresentato dal livello di sicurezza, che raggiunge livelli molto elevati escludendo la possibilità dell’errore umano.

“L’opera che viene presentata oggi – ha dichiarato Sergio De Luca, Amministratore Delegato di Ansaldo STS - è stata pensata per dare una risposta alla congestione dell’asse radiale Zara-Testi, una delle più importanti direttrici di penetrazione urbana della città e sono convinto che gli utenti apprezzeranno in modo particolare i notevoli vantaggi che la tecnologia driverless può dare in termini di fruibilità e sicurezza, tecnologia che la nostra azienda sta realizzando in tutto il mondo ottenendo significativi riconoscimenti”.

Ansaldo STS è oggi leader in questo settore, con oltre 10 progetti realizzati o in corso di completamento per un totale di 170 chilometri di linea che si snodano tra Milano, Copenhagen, Brescia, Salonicco, Roma, Riyadh, Taipei e Honolulu.

Media Contact :
Ansaldo STS
Roberto Alatri, tel. +39 347 4184430
roberto.alatri@ansaldo-sts.com

Investor Relations Officer:
Andrea Razeto, tel. +39 010 6552068
andrea.razeto@ansaldo-sts.com

PMS
Giancarlo Fre, tel. +39 06 48905000
g.fre@pmsgroup.it

Andrea Faravelli, tel. +39 02 48000250
a.faravelli@pmsgroup.it