29 Gen 2014, ore 17:30

Genova, 29 gennaio 2014

  • Ordini a 1.483,6 milioni di Euro
  • Portafoglio ordini a 5.601,0 milioni di Euro
  • Ricavi a 1.256,4 milioni di Euro
  • Risultato Operativo (EBIT) 118,1 milioni di Euro, ROS al 9,4%
  • Posizione Finanziaria Netta per (260,1) milioni di Euro, cassa netta positiva

Il Consiglio di Amministrazione di Ansaldo STS (STS.MI), riunitosi oggi sotto la presidenza di Sergio De Luca, ha preso atto delle stime preliminari dei principali dati gestionali consolidati dell’esercizio 2013:

Ordini acquisiti 1.483,6 milioni (1.492,3 milioni al 31/12/2012);
Portafoglio Ordini 5.601,0 milioni (5.683,3 milioni al 31/12/2012);
Ricavi 1.256,4 milioni (1.247,8 milioni al 31/12/2012);
Risultato Operativo (EBIT) 118,1 milioni (117,1 al 31/12/2012);
Redditività operativa (ROS) al 9,4% (9,4% al 31/12/2012);
Posizione Finanziaria Netta per (260,1) milioni ((302,0) milioni al 31/12/2012), cassa netta positiva

Le suddette stime includono gli effetti derivanti dall’aggiornamento della situazione relativa ai contratti in Libia, come analizzato e comunicato dal Consiglio di Amministrazione, lo scorso 16 dicembre 2013. Il Dirigente Preposto alla redazione dei documenti contabili societari dott. Roberto Carassai dichiara, ai sensi del comma 2 articolo 154-bis del Testo Unico della Finanza, che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Con riferimento ai dati oggetto del presente comunicato, si precisa che sugli stessi sono in corso le attività di revisione da parte di KPMG, società incaricata della revisione legale dei conti di Ansaldo STS. Le risultanze delle suddette attività saranno rese note coerentemente con la tempistica prevista per l’approvazione del Bilancio.

Nota:

Il management di Ansaldo STS valuta le performance economico-finanziarie del Gruppo e dei segmenti di business anche sulla base di alcuni indicatori non previsti dagli IFRS - EU. Di seguito sono descritte, così come richiesto dalla Comunicazione CESR/05 - 178 b, le componenti di ciascuno di tali indicatori:

  • EBIT: è pari al risultato ante imposte ed ante proventi e oneri finanziari, senza alcuna rettifica. Dall’EBIT sono esclusi anche proventi ed oneri derivanti dalla gestione di partecipazioni non consolidate e titoli, nonché i risultati di eventuali cessioni di partecipazioni consolidate, classificati negli schemi di bilancio all’interno dei “proventi ed oneri finanziari” o, per i risultati delle sole partecipazioni valutate secondo il metodo del patrimonio netto, all’interno della voce “effetti della valutazione delle partecipazioni con il metodo del patrimonio netto”.
  • EBIT Adjusted: è ottenuto depurando l’EBIT, così come in precedenza definito, dai seguenti elementi: o eventuali impairment dell’avviamento; o ammortamenti della porzione di prezzo di acquisto allocato ad attività immateriali nell’ambito di operazioni di business combination, così come previsto dall’IFRS 3; o oneri di ristrutturazione, nell’ambito di piani definiti e rilevanti; o altri oneri o proventi di natura non ordinaria, riferibile, cioè, ad eventi di particolare significatività non riconducibili all’andamento ordinario dei business di riferimento.
  • Ordini Acquisiti: è dato dalla somma dei contratti sottoscritti con la committenza nel periodo considerato che abbiano le caratteristiche contrattuali per essere iscritti nel libro degli ordini.
  • Portafoglio ordini: è dato dalla differenza tra gli ordini acquisiti ed i ricavi del periodo di riferimento comprensivi della variazione dei lavori in corso su ordinazione. Tale differenza andrà aggiunta al portafoglio del periodo precedente.
  • Return on Sales (ROS): è calcolato come rapporto tra l’EBIT ed i ricavi.